DONNE SACERDOTE? SI!header

Responsive image

INIZIO

SETTE RAGIONI

CONTRO IL PAPA?

DISPUTA

MENU

Nederlands/Vlaams Deutsch Francais English language Spanish language Portuguese language Catalan Chinese Czech Malayalam Finnish Igbo
Japanese Korean Romanian Malay language Norwegian Swedish Polish Swahili Chichewa Tagalog Urdu
------------------------------------------------------------------------------------
Umberto Eco:L’esclusione delle donne dal sacerdozio

L’esclusione delle donne dal sacerdozio secondo Tommaso d'Aquino

di Umberto Eco

Il celebre scrittore Umberto Eco interroga un 'principe' della Chiesa , il cardinale Carlo Maria Martini, vescovo di Milano , in un libro “Credere in cosa? ” (Rivages Poche/Petite bibliothèque, 1998; vedi anche Liberal n 8 Novembre 1995 ) e cita Tommaso d'Aquino sulla questione del sacerdozio riservato esclusivamente al sesso maschile .

Non sono riuscito a trovare ancora, nella dottrina, delle ragioni persuasive per cui le donne debbano essere escluse dal sacerdozio (...). Non ho trovato ragioni scritturali (...). L’argomento simbolico non mi soddisfa. Nè mi soddisfa l'argomento arcaico per cui la donna in certi momenti della sua vita secerne impurità (...) Quando mi trovo così smarrito su questioni di dottrina io ricorro all'unica persona di cui mi fido, che è Tommaso d'Aquino. Or a Tommaso, che prima di essere dottore angelico era un uomo di straordinario buon senso, a più riprese si trova ad affrontare il problema se il sacerdozio sia solo prerogativa maschile. Per limitarci alla Summa Theologiae, se lo chiede in II, 11, 2, e si trova difronte all'affermazione paolina ( nemmeno i santi sono perfetti) per cui le donne nell'assemblea ecclesiale debbono tacere, nè possono insegnare. Ma Tommaso trova nei Proverbi che “Unigenitus fui coram matrem meam, ea docebat me”. Come ne esce ? Accettando l' antropologia del suo tempo ( e che doveva fare ? ) : il sesso femminile deve essere sottomesso a quello maschile, e le femmine non sono perfette in sapienza.

In III, 31, 4, Tommaso si chiede se la materia del corpo di Cristo potesse essere assunta da un corpo femminile ( sappiamo che circolavano teorie gnostiche per cui Cristo era passato attraverso il corpo di Maria come l'acqua attraverso un tubo, come attraverso un veicolo casuale, senza esserne toccato, senza essere inquinato da alcuna immunditia legata alla fisiologia del parto).Tommaso ricorda che se Cristo doveva essere un essere umano convenientissimum tamen fuit’ ut de foemina carnem acceperet perchè, teste Agostino, " la liberazione dell'uomo deve apparire in entrambi i sessi" . E però non riesce a liberarsi dall'antropologia del suo tempo, e continua ad ammettere che Cristo doveva essere uomo perchè il sesso maschile è più nobile.

Ma Tommaso sa andare al di là dell'inevitabile antropologia dei tempi suoi. Non può negare che i maschi siano superiori e più atti alla sapienza delle femmine, ma si arrabatta a più riprese per decidere come mai alle femmine sia stato concesso il dono della profezia, e alle abbadesse la direzione d'anime e l'insegnamento, e ne esce con cavilli eleganti e sensati. Però non pare convinto e, con l'astuzia che gli è propria, risponde indirettamente, ovvero fa finta di non ricordarsi che aveva risposto in anticipo, in I, pp,2: se il sesso maschile è il migliore, perchè nello stato primigenio, prima del peccato originale , Dio ha permesso che nascessero le femmine ? E risponde che era giusto che nello stato primigenio apparissero e uomini e femmine. Non per garantire la continuità della specie , dato che gli uomini erano immortali e non era necessario introdurre la bisessualità come condizione di sopravvivenza della specie. E' perchè (cf. Supplementum 39,1, che non è di mano sua , ma a questa opinione Tommaso ricorre anche altrove “il sesso non sta nell'anima ”; e infatti per Tommaso il sesso era un accidente che sopravveniva a uno stato avanzato della gestazione . Era necessario e giusto creare i due sessi perchè (e questo è chiarito in III, 4, respondeo) c'è una combinatoria esemplare nella generazione degli umani : il primo uomo fu concepito senza nè maschio nè femmina, Eva nasce dal maschio senza l'apporto della femmina, da una femmina senza l'apporto del maschio, ma tutti gli altri uomini nascono da un maschio e da una femmina. E, tranne quelle tre mirabili eccezioni, la regola è questa, e questo è il piano divino.

In III, 67, 4, Tommaso si chiede se la donna possa battezzare , e liquida facilmente le obiezioni che la tradizione gli propone: E' Cristo colui che battezza, ma siccome “in Christo non est masculus neque foemina” (Tommaso si ispira a Paolo Colossesi 3, 11, ma in effetti è detto più chiaramente in Galati 3, 28), se un uomo può battezzare, così può battezzare una femmina.

Poi ( potenza delle opinioni correnti !) , concede che, siccome “caput mulieris est vir”, se vi sono maschi presenti la donna non deve battezzare. Ma, in ad primum, distingue molto chiaramente tra ciò che ad una donna 'non è permesso ' (in linea di consuetudine) e ciò che essa 'può' però fare (in linea di diritto). E in ad tertium, chiarisce che, se è vero che nell'ordine del carnale la donna è principio passivo e solo il maschio è principio attivo nell'ordine spirituale, in quanto sia uomo che donna agiscono per virtù di Cristo, questa distinzione gerarchica non vale.

Purtuttavia , in Supplementum 39, 1 (ma ricordo che non è di sua mano ) , ponendosi direttamente la questione se la donna possa ricevere gli ordini sacerdotali, risponde ricorrendo ancora una volta all'argomento simbolico: il sacramento è anche un segno, e per la la sua validità non si richiede solo la 'cosa' ma anche il ' segno della cosa ': e siccome nel sesso femminile non viene significata alcuna eminenza , poichè la donna vive in stato di soggezione , non si possono conferire gli ordini a una donna.

E vero che, in una questione che non ricordo, Tommaso usa anche l’argomento propter libidinem: in altri termini, che se il sacerdote fosse donna i fedeli (maschi!) si ecciterebbero vedendola. Ma siccome i fedeli sono anche femmine, che dire delle fanciulle che potrebbero eccitarsi alla vista di un ‘prete bello’ (Le ricordo le pagine di Stendhal nella Chartreuse sui fenomeni di incontinenza passionale suscitati dalle prediche di Fabrizio del Dongo)? La storia dell’ateneo bolognese riporta di una Novella d’Andrea, che avrebbe tenuto cattedra nel XIV secolo, obbligata a insegnare dietro a un velo per non distrarre gli studenti con la sua bellezza. Mi permetta di ritenere che la Novella non fosse di insostenibile venustà, ma che fossero gli studenti a essere propensi a una certa goliardica indisciplina. Quindi si trattava dì educare gli studenti, o si tratta di educare i fedeli, non di escludere le donne dalla gratia sermonis.

Insomma, la mia impressione è che neppure Tommaso sapesse dire con esattezza perché il sacerdozio dovesse essere prerogativa maschile, salvo assumere (come lui faceva, e non poteva non fare, secondo le idee del suo tempo) che gli uomini fossero superiori per intelligenza e dignità. Ma non mi pare che questa sia la posizione attuale della Chiesa. Mi pare piuttosto la posizione della società cinese che, lo abbiamo appreso di recente, e con orrore, tende a eliminare le neonate femmine per mantenere in vita i neonati maschi.

Ecco le mie perplessità. Quali sono le ragioni dottrinali per interdire il sacerdozio alle donne? Se vi fossero semplici ragionistoriche, di opportunità simbolica, perché i fedeli sono ancora assuefatti all’immagine di un sacerdote maschio, non ci sarebbero ragioni di mettere fretta alla Chiesa, che ha tempi lunghi (anche se mi piacerebbe conoscere una data, prima della Resurrezione della Carne).

Ma il problema evidentemente non è mio. Io sono solo un curioso. C’è però l’altra metà del Cielo (come dicono i cinesi) che forse è più ansiosa.

Umberto ECO

Molto links all'interno delle pagine sono in via di traduzione. Possono essere lette nella versione originale in inglese o in francese.

Abbiamo una collezione dei documenti interessanti sul tema dell’ordinazione delle donne diacono.
Torna a Donne Diacono-Veduta d'insieme

‘Home page’ italiano.

This website is maintained by the Wijngaards Institute for Catholic Research.

John Wijngaards Catholic Research

since 11 Jan 2014 . . .

John Wijngaards Catholic Research

traduzione di Giuliano Colosio, Bolzano