DONNE SACERDOTE? SI!header

Responsive image

INIZIO

SETTE RAGIONI

CONTRO IL PAPA?

DISPUTA

MENU

Nederlands/Vlaams Deutsch Francais English language Spanish language Portuguese language Catalan Chinese Czech Malayalam Finnish Igbo
Japanese Korean Romanian Malay language Norwegian Swedish Polish Swahili Chichewa Tagalog Urdu
------------------------------------------------------------------------------------
1 Corinti 14, 34-35

1 Corinti 14, 34-35

Regole per una interpretazione corretta della Sacra Scrittura
Il 'senso letterale'
La portata limitata
I generi letterari
Razionalizzazioni

Questo testo, che è in tutta evidenza un inciso nella lettera originale di Paolo, è stato utilizzato nella tradizione ecclesiastica per escludere le donne dai ministeri. Che si tratti effettivamente di un inciso, lo si può dedurre dai fatti seguenti:

I versetti 34-35 si trovano dopo il versetto 40 nella numerazione di importanti antichi manoscritti: il Claromontanus di Parigi, il Boernerianus di Dresda, Minuscule n° 88 e le versioni della traduzione latina antica (Itala) (2o - 4o secolo). Tutto ciò indica che questi versetti sono un commentario aggiunto al margine del papiro originale e che successivamente entrò nel corpo del testo delle copie. La regola secondo la quale le donne tacciano nelle assemblee” (versetto 34) è in flagrante contraddizione con ciò che Paolo dice a proposito delle donne che profetizzano in chiesa (1 Corinti 11, 5). “Colui che profetizza parla agli uomini: edifica, esorta , incoraggia ” (Corinti 14, 3, etc.).

L'espressione “come dice la Legge” (versetto 34) contraddice l'insegnamento di Paolo secondo il quale noi siamo stati liberati dalla Legge. (Galati 2, 16 ; 5, 1.18 ; 3, 23-28, etc., etc.).

Sebbene in 1 Timoteo 2, 12 l'autore utilizza il termine didaskein (= insegnamento ) mentre in 1 Corinthiens 11, 35 il termine usato è lalein (= parlare), il parallelismo tra i due testi sulle restrizioni relative alle donne/vedove è generalmente ammesso dagli specialisti . Probabilmente 1 Corinti 14, 34-35 ha un'origine simile a quella di 1 Timoteo 2, 11-14, conseguenza di un tentativo di controbattere all'influenza che la dottrina gnostica esercitava sulle donne in Asia Minore intorno all'anno 100. Vedi 1Timoteo 2, 11-15.

Leggete C. K. BARRETTE, The First Epistle to the Corinthians , Londres 1971, pp. 330-333 ; H. CONZELMANN, Der erste Brief an die Korinther , Göttingen 1981, pp. 298-299 ; H. J. KLAUCK, 1 Korintherbrief , Würzburg 1984, pp. 104-106 : F. LANG, Die Briefe an die Korinther , Göttingen 1986, pp. 199-201 ; R. A. HARRISVILLE, 1 Corinthians, Minneapolis 1987, pp. 242-244 ; G. DAUTZENBERG, “Zur Stellung der Frau in den paulinischen Gemeinden”, Die Frau im Urchristentum, p. 193, pp. 257-300 ; G. FITZER, “Das Weib schweige in den Gemeinden” ], Über den unpaulinischen Character der mulier-taceat-Verse im 1. Kor 14 , Munich 1963 ; V. C. STICHELE, “Is Silence Golden? Paul and Women’s Speech in Corinth” , Louvain Studies 20 (1955), pp. 243-250.

Commentario al testo:

“34 Le donne nelle assemblee tacciano, poichè non è loro permesso di parlare; ma stiano sottoposte, come anche dice la legge.

35 E se vogliono imparar qualche cosa, in casa interroghino i proprii mariti; è cosa indecorosa per una donna parlare in un'assemblea.”

Il fatto che questi versetti siano un'aggiunta ulteriore non compromette il loro stato di testo ispirato. L'Antico come il Nuovo Testamento si sono sviluppati grazie ad una successione di edizioni e di complementi.

Tuttavia, il fatto che si tratti di un inciso modifica l'interpretazione di questo passaggio.

Questi versetti, in quanto parte integrante di un testo ispirato, insegnano forse che le donne siano sottomesse agli uomini per sempre e che esse non potranno assumere , in avvenire, un posto di responsabilità nella Chiesa? La risposta,senza esitazione, è no! per queste ragioni:

Questa interdizione ha una portata limitata. Essa contraddice la posizione di Paolo che consente alle donne di profetizzare (1 Corinti 11, 5). Essa fa riferimento alla legge mosaica come se essa legasse le donne dei tempi a venire (versetto 34). Essa suppone che tutte le donne abbiano un marito al quale porre delle domande. ( versetto 35). Essa si fonda sul pregiudizio giudaico secondo il quale è disdicevole che una donna prenda la parola nelle sinagoghe.(versetto 35).

Come 1 Timoteo, 2, 11-14, essa rappresenta una misura presa in alcune comunità cristiane primitive per far fronte ad un problema particolare .

Considerare l'interdizione fatta alle donne di esercitare una funzione ministeriale nella Chiesa come un interdizione permanente , ispirata, contraddice il senso letterale del testo e la portata limitata voluta dall'autore.


Versione italiana di www.womenpriests.org curata da Francesco Rocca.


This website is maintained by the Wijngaards Institute for Catholic Research.

John Wijngaards Catholic Research

since 11 Jan 2014 . . .

John Wijngaards Catholic Research