DONNE SACERDOTE? SI!header

Responsive image

INIZIO

SETTE RAGIONI

CONTRO IL PAPA?

DISPUTA

MENU

Nederlands/Vlaams Deutsch Francais English language Spanish language Portuguese language Catalan Chinese Czech Malayalam Finnish Igbo
Japanese Korean Romanian Malay language Norwegian Swedish Polish Swahili Chichewa Tagalog Urdu
------------------------------------------------------------------------------------
La donna nelle versioni della creazione

La donna nelle versioni della creazione

Regole per una interpretazione corretta della Sacra Scrittura
Il 'senso letterale'
La portata limitata
I generi letterari
Razionalizzazioni

Nella Scrittura, vi sono due versioni della creazione, ognuna delle quali ha un insegnamento supplementare insostituibile.

Genesi 1, 1-2, 4

La prima versione della creazione, Genesi 1,1-2, 4 , presenta l'origine dell'universo come un progetto di Dio, il Grande Architetto. Il mondo concepito a quei tempi, vale a dire nel IV secolo a.c., assomigliava ad una grande casa. Il pavimento era costituito dalla terra...piatta. Il cielo era il soffitto. Il sole,la luna e le stelle erano le lampade che schiarivano il giorno e la notte. I pesci nel mare, le piante e gli animali sulla terra e gli uccelli nell'aria erano considerati degli accessori messi a disposizione da Dio per il nostro nutrimento.

Il coronamento dell'opera costruttiva di Dio fu la creazione degli esseri umani. Creature particolari perchè il mondo era stato costruito perchè ne divenisse la loro casa. Esse erano creature particolari poichè, come Dio, potevano pensare logicamente ed agire in maniera responsabile. Esse portavano in sè stesse l'immagine di Dio.

E Dio disse: «Facciamo l'uomo a nostra immagine e somiglianza; e sottometta i pesci del mare ed i volatili del cielo e le bestie di tutta la terra, ed ogni rettile che in terra si muove».
E creò Iddio l'uomo ad immagine sua;ad immagine di Dio lo creò;maschio e femmina li creò.

Genesi 1, 26-27

Dio dunque benedisse gli esseri umani e diede loro la responsabilità del mondo intero. Ma Dio si attendeva che essi ricordassero che erano solo delle creature e che riconoscessero la sovranità del Creatore. Per questo Dio costruì il mondo in sei giorni e si riposò al settimo, al fine di insegnare agli uomini che essi dovevano riposare e pregare nel giorno di Sabato.

NOTA : Non esiste alcuna contraddizione tra questa descrizione della creazione e l'evoluzione. La Genesi non ci insegna come fu creato il mondo; essa sottolinea il fatto che fu creato da Dio e che fu donato agli esseri umani perchè lo abitassero. I 'sette giorni' non sono altro che un artificio letterario.

Da questa versione , balza in evidenza che tutti gli esseri umani sono stati creati ad immagine di Dio. L'uomo e la donna sono entrambi esplicitamente menzionati in questo contesto. Nel testo, tutti gli esseri umani sono creati uguali, con la medesima dignità, e con diritti e doveri simili.

La conseguenza di tutto questo, in ciò che concerne l'eguaglianza delle donne agli occhi di Dio, è stata dimenticata dal giudaismo.Gli ebrei maschi ringraziavano Dio tre volte al giorno per non averli creati pagani, per non averli creati schiavi e per non averli creati donna: . “Benedetto sii tu Signore nostro Dio, per non avermi fatto gentile..per non avermi fatto schiavo..per non avermi fatto donna.Questa preghiera, proveniente dalle 18 Benedizioni , viene recitata ancora oggi dagli ebrei ortodossi. Siddur Tehilat Hashem, New York 1982, p. 8.

Alla stessa maniera numerosi Padri della Chiesa e numerosi teologi hanno trascurato l'importanza di questi passi.

Genesi 2, 5 - 4, 24

La seconda versione della creazione ci insegna come Dio desiderava che gli esseri fossero felici, ma che il peccato portò con lui il male e la sofferenza. (Genesi 1, 5 - 3, 24). Alla stessa maniera della prima versione, anche questa versione non deve essere considerata una descrizione scientifica che indica come è stato creato il mondo e come il peccato vi si sia introdotto. Questa storia è una parabola costruita con l'aiuto di immagini, e non dei fatti rilevanti del dogma.

In questa versione, il mondo è comparato ad un giardino meraviglioso concepito da Dio. Lì ha messo gli esseri umani perchè vi abitassero. Ma gli esseri umani volevano esser più che ospiti; volevano diventare uguali a Dio e diventare proprietari del giardino. Così Dio ha dovuto cacciarli da questo paradiso ed esiliarli in un luogo pieno di sofferenze e di privazioni, in cui gli uomini dovevano difendersi da sè stessi .Ma un giorno Dio riconquisterà la loro amicizia.

Nota : L'autore, che visse probabilmente durante il Regno di Giuda nel IX secolo a.c., ha fatto ricorso alla fantasia popolare: L'Eden, l'albero della vita, il serpente che personifica il male, la nudità come simbolo di innocenza, ecc.

In questo contesto, leggiamo come viene descritta la creazione degli esseri umani.

Formò dunque il Signore Dio l'uomo dal fango della terra, e gli inspirò in faccia lo spirito della vita, e l'uomo divenne persona vivente..

Genesi 2, 7

L'autore vede un legame stretto tra l'essere umano, adam, e la polvere, la 'terra' che in ebraico si dice adamah . Gli esseri umani sono fatti di materia e di spirito , fatti di fango e nello stesso tempo hanno la loro origine dal soffio creatore di Dio. Poichè questo essere tratto dalla terra non ha ancora un sesso, si utilizza il pronome neutro. Potrebbe definirsi come 'creatura tratta dal fango'.

In ebraico, il pronome personale ed il pronome neutro si esprimono alla stessa maniera. Vedi F. FERDER et J. HEAGLE, Partnership, Notre Dame 1989, pp. 31-46.

Per comprendere il passaggio seguente, bisogna avere qualche nozione di ebraico.

Disse ancora il Signore Dio: «Non è bene che l'uomo sia solo; facciamogli un aiuto simile a lui».
Formati che ebbe il Signore Dio dalla terra tutti i volatili del cielo, li condusse ad Adamo, acciò vedesse come chiamarli; il nome infatti col quale Adamo chiamò ogni essere vivente, è il suo vero nome.
E Adamo chiamò coi loro nomi tutti gli animali, e tutti i volatili del cielo, e tutte le bestie della terra. Ma per Adamo non si trovava un aiuto simile a lui.

Questo "aiuto simile a lui" non è un domestico, un assistente, un qualsiasi servitore. La parola ezer, impiegata nell'ebraico fa riferimento ad una collaborazione autentica. La Scrittura chiama spesso Dio nostro ezer (Osea 13, 9 ; Salmi 33, 20 ; 70, 6 ; 115, 9 ; 146, 5 ; Esodo 18, 4). Tale eguaglianza deriva dal fatto che il mondo animale non può proporre simile collaborazione.

Mandò dunque il Signore Dio ad Adamo un sonno profondo; ed essendosi egli addormentato, gli tolse una delle coste, e ne riempì il luogo con della carne.
E con la costa che aveva tolta ad Adamo, formò il Signore Dio una donna, e gliela presentò.
E disse Adamo: «Ecco, questo è un osso delle mie ossa, e carne della mia carne; questa sarà chiamata
donna, perchè è stata tratta dall'uomo.
Perciò l'uomo lascerà il padre e la madre, e si stringerà a sua moglie, e saranno due in un corpo solo».

Genesi 2, 18-24

In questo passo, l'autore descrive una straordinaria trasformazione. Si immagina spesso che Dio agisca sugli esseri umani mentre essi sono nel 'torpore', in un 'sonno profondo' come qui. Ad esempio, Dio conclude un'alleanza con Abramo mentre egli è piombato in una tale 'torpore' (Genesi, 15, 12-21). In un tale stato, Dio gli invia delle visioni e dei sogni ( Giobbe 4, 13 ; 33, 15 ; Daniele 8, 18 ; 10, 9).

Nel nostro caso, mentre la 'creatura tratta dal fango' era immersa in un profondo sonno, Dio, per così dire, divise questa creatura in due parti eguali. Questa interpretazione deriva dalla traduzione corretta di tsêla o. Tsêlao non vuol dire 'costola' ma 'lato' come :

  • il fianco d'una montagna l (2 Samuele 16, 13) ;
  • il lato del tabernacolo l (Esodo 26, 20-35) ;
  • i lati dell'altare (Esodo 27, 7) ;
  • o le 'ali del Tempio (Ezechiele 41, 5-26).

In effetti, vi sono altri versi della Scrittura in cui il termine tsêla o viene tradotto con 'ala' 'lato'.

Per approfondire la questione, leggere : L. ARNALDICH, “La creación de Eva”, Sacra Pagina 1 (1959) pp. 346-357 ; J.J. O’ROURKE, “Early and Modern Theologians and Eve’s Formation from Adam” , Sciences ecclésiastiques 13 (1961), pp. 427-435 ; J. DE FRAINE, Genesis, Roermond 1963, pp. 50-51 ; PH. TRIBLE, “Eve and Adam : Genesis 2-3", in Womanspirit Raising, New York 1979, pp. 74-83.

Dunque, quale significato hanno questi passi della Scrittura ?

L'immagine che l'autore ha in mente diventa più chiara se coi confrontiamo la sua storia con altre versioni antiche della creazione. Secondo questi antichi racconti, il primo essere umano era androgeno, vale a dire che esso era nello stesso tempo maschio e femmina.

Aveva due visi che guardavano da parte opposta, quattro braccia e quattro gambe. Per avere i due sessi, Dio creatore divise l'essere umano in due metà, donando a ciascuno un viso, due braccia e due gambe.

Una narrazione completa di questo mito della creazione si trova in PLATONE (428-348 a.c.) nel Simposio, cap. 14-16. Questa storia era conosciuta dagli ebrei e spesso collegata alla Genesi dai rabbini, vedi R. GRAVES e R. PATAL, Hebrew myths. The Book of Genesis , London 1965, pp. 65-69.

Questa sembra essere l'immagine che ha in mente l'autore biblico. Dio immerge la creatura tratta dal fango in un torpore estatico. La divide poi in due parti eguali: l'uomo e la donna.. In ebraico, questi termini hanno la stessa radice: l'uomo è ish ; la donna è la ishshah. E' dunque a giusto titolo che l'uomo può esclamare che la donna è ossa delle sue ossa e carne della sua carne. Perchè essi sono veramente uguali ed hanno bisogno l'uno dell'altra per ridiventare un corpo completo.

La punizione per il peccato. Genesi 3,1-24

La seconda parte della storia , che riguarda la caduta dell'uomo nel peccato, non può distruggere questa immagine di una medesima dignità dell'uomo e della donna. Entrambi si ribellano a Dio. Entrambi si sentono colpevoli . Ad entrambi è inflitta la medesima punizione. Il testo ricorda alcuni esempi di sofferenze e di privazioni che gli uomini dovranno sopportare : l'uomo dovrà coltivare la terra con fatica, la donna soffrirà i dolori del parto e sarà dominata dal marito.

Alla donna, Dio dice:

«Moltiplicherò i tuoi travagli ed i tuoi parti; partorirai tra i dolori i tuoi figli; sarai sotto la potestà del marito, ed egli ti dominerà»

Genesi 3,16

Questo non deve essere interpretato come una licenza accordata ai mariti di sottomettere le loro donne.E' la constatazione di un fatto. Essa rileva semplicemente le conseguenze del peccato. In un mondo perfetto, gli uomini non avrebbero bisogno di affaticarsi per coltivare la terra malgrado la siccità, le donne non dovrebbero subire i dolori del parto nè i maltrattamenti dei loro mariti. Inoltre il testo promette il ritorno di tempi migliori allorchè la discendenza della donna riporterà la vittoria sul male. (Genesi 3, 15).

La seconda versione della creazione, di conseguenza, conferma ciò che noi avevamo già visto nella prima. Gli esseri umani sono creati a somiglianza di Dio; essi sono il soffio di Dio incarnato nella materia. Uomini e donne sono eguali, e col compito di prendersi cura della terra. Se le diseguaglianze si sono introdotte nella società umana, esse non corrispondono affatto alla volontà di Dio, ma sono la conseguenza del peccato.


Versione italiana di www.womenpriests.org curata da Francesco Rocca.


This website is maintained by the Wijngaards Institute for Catholic Research.

John Wijngaards Catholic Research

since 11 Jan 2014 . . .

John Wijngaards Catholic Research