DONNE SACERDOTE? SI!header

Responsive image

INIZIO

SETTE RAGIONI

CONTRO IL PAPA?

DISPUTA

MENU

Nederlands/Vlaams Deutsch Francais English language Spanish language Portuguese language Catalan Chinese Czech Malayalam Finnish Igbo
Japanese Korean Romanian Malay language Norwegian Swedish Polish Swahili Chichewa Tagalog Urdu
------------------------------------------------------------------------------------
Le argomentazioni a partire da un non-fatto

Le argomentazioni a partire da un non-fatto

Regole per una interpretazione corretta della Sacra Scrittura
Il 'senso letterale'
La portata limitata
I generi letterari
Razionalizzazioni

Questioni per le quali il Cristo non ha preso decisioni

Vi sono numerosi aspetti della pratica e della dottrina cristiana per le quali Cristo non ha mai preso decisioni esplicite.

Può essere interessante enumerare alcuni di questi "non-fatti" in rapporto a Cristo:

  • Cristo NON HA stabilito la gerarchia composta da vescovi, sacerdoti e diaconi.
  • Cristo NON HA creato le strutture attuali della Chiesa: La curia romana,i concili ecumenici, le conferenze episcopali, ecc.
  • Cristo NON HA prestabilito tutti i sacramenti, per esempio il matrimonio, la cresima e l'estrema unzione.
  • Cristo NON HA ordinato di scrivere i libri del Nuovo Testamento nè ha stabilito quali fossero ispirati e quali non lo fossero.
  • Cristo NON HA fondato le congregazioni e gli ordini religiosi.
  • Cristo NON HA fissato il diritto canonico nè ha definito le sue disposizioni.
  • Cristo NON HA istituito le indulgenze, le novene,la consacrazione delle chiese e delle cattedrali,la formazione dei seminaristi,l'imprimatur sui libri, ecc.
  • Cristo NON HA abolito la schiavitù.

Nota bene: Io non voglio affatto contestare la legittimità di queste istituzioni. Desidero invece mostrare che il NON-FATTO della non-implicazione di Gesù intorno a questi argomenti non dimostra per nulla che egli vi si sia opposto.

Alla stessa maniera, il NON-FATTO, secondo il quale Gesù non ha scelto delle donne tra i dodici apostoli non domostra per nulla che egli vi si sia opposto.

Il non-fatto di non aver scelto delle donne

Pourquoi le Christ n’a-t-il pas choisi de femmes pour faire partie du collège des apôtres ? G. R. Evans, évêque de Denver et membre du sous-comité de la Conférence des Évêques des États-Unis “Femme dans l’Église et la société” écrit (1972) :Perchè Cristo non ha scelto delle donne a far parte del gruppo degli apostoli? G.R. Evans, vescovo di Denver e membro del sottocomitato della Conferenza Episcopale degli Stati Uniti "Donne nella Chiesa e nella società" scrive (1972):

" Bisogna guardare con attenzione gli schemi socio-culturali di quell'epoca. Perchè Gesù non ha chiamato degli schiavi a far parte del collegio degli apostoli? Una tale scelta avrebbe evitato che ,per un lungo periodo, la pratica della Chiesa si sarebbe rifiutata di ordinare degli schiavi. E perchè Cristo non ha scelto dei 'Gentili' ? Non si possono trarre delle conclusioni in materia di diritti dalla semplice osservazione del modo con cui sono state fatte delle scelte."
G. R. EVANS “Ordination of Women” [“Ordina
zione delle donne”], Homeletic and Pastoral Review 73 (1972), n° 1, pp. 29-32.

Il non-fatto che Cristo non ha scelto delle donne non può essere considerato come espressione della sua volontà.

Se Gesù fosse vissuto in una società in cui lo statuto culturale dei due sessi fosse stato diverso da quello dei suoi tempi, non avrebbe fatto una scelta diversa? Una scelta che egli fece già intravvedere per il modo del tutto nuovo che adottò nei rapporti con le donne in una società partiarcale ?”
H. M. LEGRAND, “Views on the Ordination on Women”, Origins, 6
gennaio1977. Vedi anche Briefing 7 (1977), n° 6, pp. 22-35.

Prendere l'iniziativa di chiamare sei uomini e sei donne per comporre il collegio dei Dodici avrebbe scandalizzato i suoi contemporanei al punto da compromettere la sua opera sin dall'inizio.
G. O’COLLINS, “Ordination of Women”, Tablet 288 (1974), pp. 175-176 ; 213-215.

E' un fatto evidente : Gesù non ha scelto che uomini tra i suoi apostoli. A noi discernere la ragione.Ma io insorgo allorquando si afferma gratuitamente che ciò è accaduto perchè la volontà di Dio per tutti i tempi a venire fosse quella di riservare solo agli uomini il ruolo di apostolo, vescovo o di sacerdote , vale a dire quello di predicare il vangelo, celebrare la liturgia e dirigere la comunità. Io penso piuttosto che sia molto più convincente ritenere che Gesù abbia scelto solo degli uomini come apostoli in ragione delle condizioni culturali dei suoi tempi che concedevano solo agli uomini il ruolo di guida. Tuttavia, è del tutto evidente che tali condizioni avrebbero potuto evolversi col tempo e , con esse, avrebbero potuto modificarsi le ragioni per le quali riservare oppure no ai soli uomini il ministero della presidenza.
E. C. MEYER “Are there theological reasons why the Church should not ordain women priests ?” [“
Vi sono ragioni teologiche per le quali la Chiesa non può ordinare le donne?”] Review for Religious 34 (1975/76), pp. 957-967.

Non si può ricorrere alla Tradizione per decretare che qualcosa che non si è mai verificata nel passato non possa verificarsi per l'avvenire.A causa del sessismo della società occidentale , si poteva facilmente attendersi che le donne sarebbero state escluse dal sacerdozio.”
Groome, T. H. (1981-82), Signs of Hope Series : Section 4 “The Struggle against Sexism” [”La l
otta contro il sessismo”] in Pace 12, St Mary’s Press, Minnesota, p. 64.

Il numero degli studi teologici che confermano questa tendenza cresce di anno in anno.Per limitarci solo a qualche esempio degli anni 70, ecco in ordine cronologico: J. L. Acebal, J. J. Begley-Armbruster, R. Gryson, I. Raming, J. M. Ford, R. Metz, F. Klostermann, J. M. Aubert.

  • J. L. ACEBAL, “El laicado feminino : Missiones y ministerios”, Ciencia Tomista 98 (1971), pp. 55-71.
  • J. J. BEGLEY-ARMBRUSTER, “Women and Office in the Church”, Am. Eccl. Review 165 (1971) pp. 145-157.
  • J. GRYSON, Le ministère des Femmes dans l’Église ancienne, Gembloux 1972.
  • J. M. FORD, “Biblical Material relevant to the ordination of Women”, Journal of Ecum. Studies 10 (1973), pp. 669-694 ; riassunto in Theology Digest 22 (1974), pp. 23-28.
  • R. METZ, “L’accession des femmes aux ministères ordonnés”, Effort diaconal, gennaio-giugno (1974), pp. 21-30.
  • F. KLOSTERMANN, Gemeinde Kirche der Zukunft, Freiburg 1974, in particolare pp. 269-270.
  • J. M. AUBERT, Antiféminisme et christianisme, Paris 1975, in particolare pp. 156-177.

Noi non possiamo fare di meglio che enumerare le ragioni per le quali numerosi specialisti cattolici della Bibbia non trovano convincente l'argomento :" Gesù non ha scelto che uomini". Essi mettono in discussione le idee che questo argomento presuppone:

  • che le parole di Gesù dirette ai Dodici costituiscano una ordinazione come noi la concepiamo oggi.
  • che i Dodici siano i soli precursori dei ministeri ordinati, data la vaghezza che circonda la definizione dei ministeri nella Chiesa antica.
  • che l'espressione "gli apostoli" coincida esattamente con "i Dodici".
  • Che scegliendo solamente degli uomini come apostoli Gesù abbia desiderato esprimere la sua volontà riguardo al sesso di coloro che presiedono l'eucarestia anche per l'avvenire.

Poichè Gesù ha lasciato la Chiesa sotto la guida dello Spirito Santo per permetterle di prendere essa stessa delle decisioni riguardo alle norme relative all'organizzazione dei ministeri , gli specialisti ritengono che sia molto dubbio che egli abbia avuto l'intenzione di determinare una regola così particolare concernente i candidati alle ordinazioni future. La maggioranza degli esegeti sostiene in effetti che la scelta di Gesù era guidata dalla natura simbolica dei 'patriarchi' dell'Israele restaurata.

Estratto dal documento ratificato il 6 giugno 1997 dalla Catholic Theological Society of America.

Non c'è più nè uomo nè donna in Gesù Cristo Gal 3, 28


Versione italiana di www.womenpriests.org curata da Francesco Rocca.


This website is maintained by the Wijngaards Institute for Catholic Research.

John Wijngaards Catholic Research

since 11 Jan 2014 . . .

John Wijngaards Catholic Research