DONNE SACERDOTE? SI!header

Responsive image

INIZIO

SETTE RAGIONI

CONTRO IL PAPA?

DISPUTA

MENU

Nederlands/Vlaams Deutsch Francais English language Spanish language Portuguese language Catalan Chinese Czech Malayalam Finnish Igbo
Japanese Korean Romanian Malay language Norwegian Swedish Polish Swahili Chichewa Tagalog Urdu
------------------------------------------------------------------------------------
codice di diritto canonico 1917

Il Codice di Diritto Canonico del 1917

Un Codice di Diritto Canonico, fondato sull'antico Codex Juris Canonici, venne promulgato da Papa Benedetto XV nel 1917 ed è rimasto in vigore fino al 1983. Il Codice ha subito alcune modifiche sotto l'impulso del Concilio Vaticano II .

Le donne conservano il domicilio del marito

Interpretazione corretta della Tradizione
* tradizione scritturale
* tradizione ‘dinamica’
* tradizione ‘latente’
* tradizione ‘matura’

Canone 93, § 1. "Una donna che non è legalmente separata da suo marito , conserva automaticamente il domicilio del marito ."

Solo gli uomini possono disporre del potere dell'ordine e della giurisdizione ecclesiastica

Canone 118. "Solo un chierico[maschio] può tenere il potere dell'ordine o della giurisdizione ecclesiastica , o ottenere benefici e pensioni ecclesiastiche."

Le donne non possono essere membri a pieno titolo delle organizzazioni pie

Canone 709, § 2. "“[Con riguardo alle confraternite o alle unioni pie fondate per la promozione devozionale o delle opere caritatevoli ], le donne non possono farne parte come membri effettivi ,eccetto che per ottenere le indulgenze e le grazie garantite ai membri maschi."

Le donne sono le ultime della lista dei ministri del battesimo

Canone 742 § 1. "In caso d'urgenza chiunque può battezzare ."

Canone 742 § 2. "Ma se è disponibile un sacerdote, egli sarà preferito al diacono, un diacono ad un suddiacono, un chierico ad un laico ed un uomo ad una donna , a meno che non convenga che battezzi una donna , per ragioni di decenza, o perchè più familiare con la forma ed il modo del battezzare ."

Le donne non possono distribuire la santa comunione

Canone 845, § 1. "Il ministro ordinario della santa comunione è unicamente il sacerdote."

Canone 845, § 2. "Il ministro straordinario della santa comunione è il diacono, col permesso del vescovo del luogo o del prete della parrocchia, ed esso non può essere accordato che per serie ragioni , che possono essere legittimamente supposte in caso d'urgenza ."

Attenuazione . Secondo una Istruzione generale , Fidei Custos, pubblicata dalla Congregazione dei Sacramenti il 30 aprile 1969, riguardante la distribuzione straordinaria della comunione, le donne laiche e religiose possono,in linea di principio, vedersi conferita la distribuzione della comunione sotto certe condizioni. Ma secondo l'ordine di successione descritto al § 3 dell'Istruzione , quando bisogna scegliere chi distribuisce la comunione, le donne laiche sono le ultime della lista . Secondo il § 5 dell'Istruzione , bisogna farvi ricorso in caso d'urgenza, quando non si può trovare nessuno più qualificato - ossia un uomo o una religiosa ! "... Un donna particolarmente pia può essere scelta in caso d'urgenza, ossia quando non è disponibile nessuno più idoneo ."

Le ragazze o le donne non possono servire all'altare

Canone 813. § 2. " Chi serve la messa non può essere una donna, a meno che non sia disponibile nessun uomo e che ci sia una buona ragione per fare così ; in questo caso deve essere inteso che la donna rispondi al sacerdote a distanza e non può in nessun caso avvicinarsi all'altare. "

Riaffermazione .. "Fino a che punto le donne possono assumere un compito liturgico, al quale il battesimo da loro il diritto ed il dovere di partecipare , deve essere ancora studiato in profondità; ma nella organizzazione attuale della liturgia, le donne non possono assumere un ministero vicino all'altare , questo è certo. Poichè il loro ministero dipende dalla Chiesa e la Chiesa non ha mai incaricato le donne di un ministero liturgico .Di conseguenza , ogni innovazione arbitraria sarà considerata come una grave violazione della disciplina ecclesiastica e dovrà essere repressa con fermezza . " (Commissione Liturgica, 25 gennaio 1966).

" Secondo le norme liturgiche stabilite dalla Chiesa, è vietato alle donne, siano esse ragazze , donne sposate o religiose, di servire il prete all'altare , sia in chiesa che in una casa, un convento o un collegio o una istituzione femminile. " (Terza Istruzione sulla attuazione della Costituzione sulla Liturgia , Acta Apostolicae Sedis 62 (1970 p. 700).

Solo gli uomini possono ricevere gli Ordini Sacri

Canone 968, § 1. "Solo i maschi battezzati possono ricevere gli ordini sacri"

Uomini e donne devono rimanere separati nella chiesa

Canone 1262 § 1. "E' preferibile, secondo un antico costume della Chiesa, che le donne siano separate dai maschi nella chiesa ."

Le donne devono portare un velo sulla testa

Canone 1262 § 2. "Gli uomini devono assistere alla messa, sia in chiesa che fuori, a testa nuda, a meno che costumi locali o circostanze speciali non vi si oppongono. Le donne invece, devono portare un velo sulla testa ed essere vestite con modestia , specialmente quando si avvicinano alla mensa del Signore."

Gli oggetti sacri devono essere lavati da uomini prima di essere toccati dalle donne

Canone 1306 § 1. "Calici, patene, purificatoi, pale e corporali prima di essere lavati non possono essere toccati che dai chierici che ne hanno la responsabilità ."

Canone 1306 § 2. "Il primo lavaggio dei purificatori, ecc non può essere fatto che da un chierico degli ordini superiori ."

Attenuazione Il motu proprio di Papa Paolo VI Pastorale Munus del 30 novembre 1963, autorizza i vescovi nelle loro diocesi di concedere il permesso ai chierici degli ordini minori, ai religiosi e a delle donne pie di fare il primo lavaggio delle pale, corporali e purificatoi (Acta Apostolae Sedis 56 (1964) p. 10).

Le donne non possono insegnare nella chiesa

Canone 1342 § 2. "E' vietato a tutti i laici di predicare in chiesa, anche se appartengono a congregazioni religiose ."

Attenuazione . La Costituzione sulla Liturgia del Vaticano II consente una eccezione : "Si favorirà la celebrazione sacra della Parola di Dio... soprattutto nei luoghi privi di sacerdoti: in questo caso un diacono, o chiunque altro delegato dal vescovo , dirigerà la celebrazione .."

Nel 1965, la Consilium ad exsequendam Constitutionem de sacra Liturgia ha risposto negativamente alla questione di sapere se una donna convenientemente preparata può esercitare il ruolo di lettore nelle messe alle quali partecipano solo donne: l'ufficio di lettore, questa fu la risposta, è un atto liturgico che può essere conferito solo a dei maschi . Per questa ragione , nel caso menzionato, l'epistola deve essere letta dal celebrante . .Notitiae , pubblicata in Consilium ad exsequendam Constitutionem de sacra Liturgia, 1, 1965, pp. 139-140, n° 41 e n° 42.

Le donne non possono leggere la Sacra Scrittura nella chiesa

Attenuazione. "L’Introduzione generale al messale romano ", Institutio Generalis Missalis Romani, cap. 3, art.66, che è stato pubblicato nel 1969, permette alla Conferenza episcopale di autorizzare le donne a leggere le letture che precedono il Vangelo, rimanendo fuori dal coro , nel caso in cui non sia presente nessun uomo qualificato per l'ufficio di lettore. (Misale Romanum, Tipografia Vaticana, 1970, p. 45). La discriminazione nei riguardi delle donne contenuta in questa regola non deve essere sottostimata: la donna è ammessa nella funzione di lettore solo in caso di necessità , e l'accesso al coro le è vietato.

La "Terza Istruzione sulla attuazione della Costituzione sulla Liturgia , del 5 novembre 1970 stabilisce al n° 7 che la Conferenza episcopale può decidere dove la donna deve mettersi per fare la lettura . Acta Apostolae Sedis 62 (1970), p. 700

Le donne non possono agire che attraverso l'intermediazione di un procuratore di sesso maschile

"“[Nei processi di canonizzazione] ognuno dei fedeli può chiedere che sia aperta una causa ..Gli uomini possono agire in prima persona o attraverso un procuratore , le donne solo attraverso un procuratore." Canone 2004, § 1

Cristo ha Escluso le Donne dal Sacerdozio?’ - titolo di un libro classico.
Trovate qui la traduzione italiana completa!

Abbiamo molti documenti sul tema dell’ordinazione delle donne diacono.
Torna a Donne Diacono-Visione d’insieme

‘Home page’ italiano.

Versione italiana di www.womenpriests.org curata da Francesco Rocca.


This website is maintained by the Wijngaards Institute for Catholic Research.

John Wijngaards Catholic Research

since 11 Jan 2014 . . .

John Wijngaards Catholic Research