DONNE SACERDOTE? SI!header

Responsive image

INIZIO

SETTE RAGIONI

CONTRO IL PAPA?

DISPUTA

MENU

Nederlands/Vlaams Deutsch Francais English language Spanish language Portuguese language Catalan Chinese Czech Malayalam Finnish Igbo
Japanese Korean Romanian Malay language Norwegian Swedish Polish Swahili Chichewa Tagalog Urdu
------------------------------------------------------------------------------------
il codice di diritto canonico del 1983

Il Codice di Diritto Canonico del 1983

Fonte : The Code of Canon Law. A Text and Commentary , di J.A. Coriden, T. J. Green e D. E. Heintschel, Londra 1985 ; vi sarà fatto riferimento sotto l'abbreviazione  CCLTC.

Obblighi di tutti i fedeli davanti al magistero 

Interpretazione corretta della Tradizione
* tradizione scritturale
* tradizione ‘dinamica’
* tradizione ‘latente’
* tradizione ‘matura’

Canone 212 § 1. " I fedeli, consapevoli della propria responsabilità, sono tenuti ad osservare con cristiana obbedienza ciò che i sacri Pastori, in quanto rappresentano Cristo, dichiarano come maestri della fede o dispongono come capi della Chiesa. "

Canone 212 § 2. " I fedeli hanno il diritto di manifestare ai Pastori della Chiesa le proprie necessità, soprattutto spirituali, e i propri desideri.. "

Canone 212 § 3. " In modo proporzionato alla scienza, alla competenza e al prestigio di cui godono, essi hanno il diritto, e anzi talvolta anche il dovere, di manifestare ai sacri Pastori il loro pensiero su ciò che riguarda il bene della Chiesa; e di renderlo noto agli altri fedeli, salva restando l'integrità della fede e dei costumi e il rispetto verso i Pastori, tenendo inoltre presente l'utilità comune e la dignità della persona "

La libertà di ricerca dei teologi 

Canone 218. "Coloro che si dedicano alle scienze sacre godono della giusta libertà di investigare e di manifestare con prudenza il loro pensiero su ciò di cui sono esperti, conservando il dovuto ossequio nei confronti del magistero della Chiesa."

Solo gli uomini possono essere nominati lettori o accoliti 

Canone 230 § 1. "I laici di sesso maschile che abbiano l'età e le doti determinate con decreto dalla Conferenza Episcopale, possono essere assunti stabilmente, mediante il rito liturgico stabilito, ai ministeri di lettori e di accoliti; tuttavia tale conferimento non attribuisce loro il diritto al sostentamento o alla rimunerazione da parte della Chiesa."

Nota : " L’istituzione di questi due ministeri su base permanente è riservata agli uomini; essi devono avere l'età determinata dalla conferenza episcopale . Bisogna rispettare un determinato rito liturgico. Tuttavia , questa istituzione non è un grado del sacramento dell'Ordine . Non è necessario essere stato ordinato vescovo per conferire validamente questi ministeri ; questo può essere fatto da un vescovo o dal superiore di un ordine religioso. Dopo essere stato assunto, un ministro non ha alcun diritto ad una retribuzione da parte della chiesa, nè diventa chierico  (c. 266, § 1). " CCLTC, p. 167.

" Un altro problema è che questa istituzione è riservata solo agli uomini. La ragione di questa restrizione è stata messa in discussione nel corso del processo di revisione del Codice. Questi in verità sono dei ministeri laici che non sono delle tappe verso gli Ordini Sacri, e la restrizione ai soli uomini appare come una discriminazione ingiustificabile. . La difficoltà viene in pratica dal fatto che le funzioni di lettore e di accolito sono state conferite già sia alle donne che agli uomini . Delle donne sono autorizzate a fare da lettori o a proclamare il Vangelo , ed in alcuni paesi come gli Stati Uniti , la conferenza episcopale ha permesso che esse leggessero nel luogo del coro dove è proclamato il Vangelo. In numerose diocesi , delle donne sono autorizzate a distribuire la comunione come ministri straordinari. Quale sarebbe la reazione delle comunità se alcuni di coloro che assicurano questi ministeri fossero assunti stabilmente mentre altre , con la stessa qualifica e la stessa esperienza si vedessero rifiutare l'assunzione a causa del loro sesso ?   Ciò sembra contraddire il canone 208 sulla eguaglianza dei fedeli . " CCLTC, p. 168.

In virtù  di una "delega temporanea" i laici, ivi comprese le donne, possono essere lettori, servire la messa,essere  cantori, predicatori , animatori dell'assemblea di preghiera , ministri del battesimo e della comunione 

Canone 230, § 2. " I laici possono assolvere per incarico temporaneo la funzione di lettore nelle azioni liturgiche; così pure tutti i laici godono della facoltà di esercitare le funzioni di commentatore, cantore o altre ancora a norma del diritto.. "

" Riconoscendo ciò che avviene nella pratica e rimanendo fedeli a ciò che consente il  Sacrosanctum Concilium 29, l’Istruzione Generale sul Messale Romano (n° 68-70) ha previsto che laici dei due sessi senza un limite d'età canonico ( è chiaro che essi devono avere un'età adatta per assumere convenientemente il servizio ) possono rendere gli stessi servizi dei lettori e degli accoliti istituzionalizzati . Questi ruoli complementari sono designati nei documenti preparatori al Codice come ministeri liturgici; sebbene il canone non ha fatto ricorso alla stessa terminologia , questi servizi possono tuttavia essere definiti a giusto titolo ' ministeri'   . " CCLTC, p. 168.

" Il Codice del 1917 riservava il ministero all'altare ai soli uomini  (CIC 813). Il Codice riveduto non conserva più questo canone , in virtù del canone  6, § 1, esso non fa più parte del Diritto canonico .  Tuttavia il canone 2  specifica che le leggi liturgiche rimangono in vigore .. Gli articoli dell’Istruzione Generale sul Messale Romano (n° 70)  permettono di conferire alle donne dei ministeri che si esercitano nel luogo del coro . Esse così possono essere autorizzate ad esercitarne alcuni tra quelli che si svolgono nel coro ; fare il lettore prima del Vangelo è esplicitamente menzionato  (n° 70) ed è fatto riferimento alla distribuzione dell'Eucaristia , che ammette implicitamente le donne al coro  (n° 68). Benchè un'altra  istruzione indichi che le donne non possono servire all'altare, il Codice non riprende più questa disposizione e quest'ultima istruzione non è dunque più operante. Gli articoli del l’Istruzione Generale sul Messale Romano devono essere interpretati in armonia con le situazioni delle Chiese particolari ." CCLTC, p. 168.

La portata dell'infallibilità del magistero 

Canone 749 § 1. "Il Sommo Pontefice, in forza del suo ufficio, gode dell'infallibilità nel magistero quando, come Pastore e Dottore supremo di tutti i fedeli, che ha il compito di confermare i suoi fratelli nella fede, con atto definitivo proclama da tenersi una dottrina sulla fede o sui costumi.. "

Canone 749 § 2. "Anche il Collegio dei Vescovi gode dell'infallibilità nel magistero quando i Vescovi radunati nel Concilio Ecumenico esercitano il magistero, come dottori e giudici della fede e dei costumi, nel dichiarare per tutta la Chiesa da tenersi definitivamente una dottrina sulla fede o sui costumi; oppure quando dispersi per il mondo, conservando il legame di comunione fra di loro e con il successore di Pietro, convergono in un'unica sentenza da tenersi come definitiva nell'insegnare autenticamente insieme con il medesimo Romano Pontefice una verità che riguarda la fede o i costumi.. "

Canon 749 § 3. " Nessuna dottrina si intende infallibilmente definita, se ciò non consta manifestamente "

Gradi di risposta al magistero 

Canone 750. " Per fede divina e cattolica sono da credere tutte quelle cose che sono contenute nella parola di Dio scritta o tramandata, vale a dire nell'unico deposito della fede affidato alla Chiesa, e che insieme sono proposte come divinamente rivelate, sia dal magistero solenne della Chiesa, sia dal suo magistero ordinario e universale, ossia quello che è manifestato dalla comune adesione dei fedeli sotto la guida del sacro magistero; di conseguenza tutti sono tenuti a evitare qualsiasi dottrina ad esse contraria.. "

Canone 752. " Non proprio un assenso di fede, ma un religioso ossequio dell'intelletto e della volontà deve essere prestato alla dottrina, che sia il Sommo Pontefice sia il Collegio dei Vescovi enunciano circa la fede e i costumi, esercitando il magistero autentico, anche se non intendono proclamarla con atto definitivo; i fedeli perciò procurino di evitare quello che con essa non concorda. "

L’autorità di insegnamento dei vescovi 

Canone 753. "I Vescovi, che sono in comunione con il capo del Collegio e con i membri, sia singolarmente sia riuniti nelle Conferenze Episcopali o nei concili particolari, anche se non godono dell'infallibilità nell'insegnamento, sono autentici dottori e maestri della fede per i fedeli affidati alla loro cura; a tale magistero autentico dei propri Vescovi i fedeli sono tenuti ad aderire con religioso ossequio dell'animo. "

Solo gli uomini possono ricevere gli ordini sacri 

Canone 1024. " Riceve validamente la sacra ordinazione esclusivamente il battezzato di sesso maschile "

"Se la Chiesa vuole che il suo magistero resti credibile , può essere posta la questione di sapere se la discriminazione fondata sul sesso si giustifichi nella Chiesa con l'autorità della Scrittura e con la necessità che essa ha d'essere coerente nella pratica con ciò che insegna in materia sociale ." 

 

"Una prima versione della lista dei diritti includeva un canone fondato sulla  Gaudium et Spes che dichiarava che i doveri ed i diritti comuni a tutti i Cristiani si applicano senza discriminazioni basate , tra l'altro , sulla condizione sociale e sul sesso .Questa versione non venne mantenuta nella lista finale. Nel Codice del 1983 uno sforzo sincero venne fatto, tuttavia, per eliminare le numerose espressioni relative alla discriminazione sessuale che si trovano nel precedente codice.  Ad esempio, non esiste più la discriminazione fondata sul sesso in materia di domicilio  (c. 104), nel passaggio da un rito ad un altro  (c. 112), nelle precauzioni che devono avere i chierici per salvaguardare la continenza  (c. 277, § 2), nelle regole relative al confessionale  (c. 964) nella scelta del luogo del matrimonio (c. 1115) o della sepoltura  (c. 1177). I casi dei convertiti, della poligamia e della  poliandria sono sono trattati nello stesso modo  (c. 1148, § 1). Le regole concernenti i religiosi si applicano allo stesso modo agli uomini ed alle donne a meno del contesto e della natura della cosa  (c. 606). L' eccezione più notevole è la regola della clausura che si applica solo ai monasteri femminili  (c. 667 § 3). Le donne possono essere giudici nei tribunali ecclesiastici  (c. 1421, § 2), possono essere autorizzate a predicare nelle chiese  (c. 766), ed essere chiamate a partecipare alla carica pastorale di una parrocchia  (c. 517, § 2). "

"La principale discriminazione nel Codice è quella esistente tra chierici e laici, piuttosto che tra i sessi .  Le due eccezioni sono le restrizioni che permettono di istituire ufficialmente soltanto dei laici di sesso maschile come lettori o accoliti  (c. 230, § 1), e l'impedimento per rapimento che sussiste soltanto quando un uomo rapisce una donna e non nel caso inverso  (c. 1089). "

" Tuttavia l'esclusione delle donne dal ministero ordinato rimane  (c. 1024), e di conseguenza esse sono escluse da tutti i ruoli , funzioni e ministeri che sono riservati ai chierici .  Solo gli ordinati sono capaci di esercitare il governo nella Chiesa  (c. 219 § 1), ed i ruoli che comportano questo potere sono riservati ai chierici  (c. 274, § 1). "

"Nella Chiesa, ciò non esclude le donne da ruoli attivi che richiedono creatività . Concretizzare pienamente la nuova maniera di pensare caratteristica del Codice modificato richiederà del tempo e delle applicazioni che diano a tutti nella Chiesa l'occasione di esplorare tutte le implicazioni  dei canoni sulla eguaglianza degli uomini e delle donne , sui loro doveri ed i loro diritti . Un approfondimento teologico dovrà permettere di chiarire la relazione esistente tra il ministero ordinato ed il potere di governo , in particolare alla luce della restrizione che vieta alle donne di essere ordinate.   Bisogna ammettere comunque che il mantenimento di questa discriminazione , anche basata su argomenti teologici, può scoraggiare molti nella Chiesa. " CCLTC, p. 141.

Consultate anche 

Cristo ha Escluso le Donne dal Sacerdozio?’ - titolo di un libro classico.
Trovate qui la traduzione italiana completa!

Abbiamo molti documenti sul tema dell’ordinazione delle donne diacono.
Torna a Donne Diacono-Visione d’insieme

‘Home page’ italiano.

Versione italiana di www.womenpriests.org curata da Francesco Rocca.


This website is maintained by the Wijngaards Institute for Catholic Research.

John Wijngaards Catholic Research

since 11 Jan 2014 . . .

John Wijngaards Catholic Research