DONNE SACERDOTE? SI!
header

Responsive image
INIZIO SETTE RAGIONI CONTRO IL PAPA? DISPUTA MENU
Nederlands/Vlaams Deutsch Francais English language Spanish language Portuguese language Catalan Chinese Czech Malayalam Finnish Igbo
Japanese Korean Romanian Malay language Norwegian Swedish Polish Swahili Chichewa Tagalog Urdu
------------------------------------------------------------------------------------
servizio all'altare

Il servizio delle Diaconesse all'altare

Interpretazione corretta della Tradizione
* tradizione scritturale
* tradizione ‘dinamica’
* tradizione ‘latente’
* tradizione ‘matura’

E' vero che l'assistenza del Vescovo sull'altare era considerata una prerogativa dei diaconi piuttosto che delle diaconesse. E' anche vero che nel corso dei secoli le diaconesse ne sono state progressivamente allontanate, a causa del marchio immaginario delle mestruazioni . Tuttavia, almeno alle origini, esso non era totalmente sbarrato alle diaconesse.

Non solo le diaconesse venivano ordinate sull'altare, ma sappiamo dai testi antichi che durante le liturgie solenni le diaconesse, come come i sacerdoti ed i diaconi, circondavano il Vescovo durante l'offerta dell'Eucaristia 'all' interno del velo del santuario' (vedi Testamento di Nostro Signore Gesù Cristo ( 4° secolo d.c.), libro I, § 23.)

Dai documenti della Chiesa Siriaca sappiamo che , con l'autorizzazione del Vescovo, le diaconesse potevano svolgere le funzione del diacono sull'altare. “Con l'autorizzazionie del Vescovo, le diaconesse possono versare il vino e l'acqua nel calice". (Giovanni Telo, Risoluzioni Canoniche , § 38.) . Nonostante la regola sia del IX secolo, essa richiama una tradizione più antica.

Le stesse fonti ci informano che era a carico delle diaconesse la cura dell'area intorno al Santuario e delle tovaglie dell'altare.

Il Testamento del Signore Gesù Cristo(5° secolo) afferma che le vedove seguono le diaconesse (I, § 40), e siedono accanto al vescovo durante il servizio liturgico (I, § 19). Se le donne incinte non possono frequentare il servizio domenicale o del giorno della festa, prendono la comunione santa nella loro casa. (II, § 20). Vedi James Cooper & Arthur Maclean (ed.), The Testament of our Lord, Edinburgh 1902.

Dopo aver chiaramente affermato che le diaconesse non hanno nessuno dovere all'altare, e che non dovrebbero toccare l'altare (avverte del timore della contaminazione mestruale), Giacomo di Edessa (fine del 6° secolo) documenta la regola antica secondo la quale le diaconesse possono distribuire la comunione alle donne, se vivono nei conventi: "Se una diaconessa vive in una comunità di monache, e se non c'è nessuno prete o diacono, può prendere il sacramento santo dal tabernacolo e distribuirlo alle donne che sono sue compagne, o a bambini che sono là.". (Giacomo di Edessa, Risoluzioni Canoniche, § 24). La stessa tradizione è stata riconosciuta ancora nell' Età Medioevale , quando le badesse avevano ereditato alcuni dei diritti delle diaconesse , distribuivano la comunione e leggevano il Vangelo nelle loro cappelle ; vedi Huguccio (Summa, 1188 d.c.).

Cristo ha Escluso le Donne dal Sacerdozio?’ - titolo di un libro classico.
Trovate qui la traduzione italiana completa!

Abbiamo molti documenti sul tema dell’ordinazione delle donne diacono.
Torna a Donne Diacono-Visione d’insieme

‘Home page’ italiano.

Versione italiana di www.womenpriests.org curata da Francesco Rocca.


This website is maintained by the Wijngaards Institute for Catholic Research.

John Wijngaards Catholic Research

since 11 Jan 2014 . . .

John Wijngaards Catholic Research